Now in your cart   0 items

Valute:

ItalianoEnglish
Lingue:

Balmforth

Grip in Cuoio Fairway Balmforth marrone


27.81EUR



  
Sconto per quantità
1
27.81EUR
2-4
25.00EUR
5-11
23.00EUR
12+
22.00EUR
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
E' un onore poter offrire questa icona del Tennis, il famoso Fairway di Balmforth in cuoio.
 
Un vero grip in cuoio ricavato da pellami di prima qualità di rigorosa origine europea.
 
Prodotto ancora oggi in Inghilterra nello Yorkshire, seguendo una tradizione ultracentenaria che si tramanda da nonno a nipote.
 
Viene fabbricato tutt'ora con le stesse macchine di oltre un secolo fa, la doratrice infine vi imprime lo storico marchio.
 
Se provi a togliere dal manico della tua racchetta il grip sintetico o l'eventuale cuoio di serie e lo sostituisci con questo, noterai un netto miglioramento dell'impugnatura.
 
Il fairway ricalca fedelmente la sagoma del manico conferendogli un'ergonomia eccezionale, inoltre, la densità di questo cuoio funge da efficace antivibrazioni filtrando verso la mano delle sensazioni di gioco nettamente più piacevoli.
 
E' bellissimo da giocare sia col contatto diretto della mano che come supporto per l'overgrip.
 
- - - - - - - - - - S P E C I F I C H  E - - - - - - - - -
 
Questi grip sono lunghi 130 cm, alti 2,50 cm, spessi 1,5mm.
 
Con queste misure possono coprire interamente il manico di qualsiasi racchetta.
 
L'azienda suggerisce di fissarlo con un punto di graffatrice alla base, stenderlo fino al collo del manico e qui fissarlo col nastro isolante.
 
Il mio consiglio è di procurarsi del nastro biadesivo in un centro di bricolage ed applicarlo sulla base del cuoio prima di stenderlo.
 
L'ideale è assicurarlo sia con un punto di graffatrice che col nastro biadesivo, se non avete la graffatrice, sarà sufficiente il nastro biadesivo.
 
 
 
Oltre ad un tocco meraviglioso, dona anche un notevole effetto estetico alle Vostre racchette.
 
 


  • 25 disponibilità in magazzino
  • Prodotto da: Balmforth



Recensioni attuali: 1

Prodotto inserito in catalogo luned́ 31 gennaio, 2011.